logo

SALDI, UN LABIRINTO PER IL CONSUMATORE

In Emilia Romagna i saldi partono ufficialmente il 5 gennaio, anche se nei fatti già dal 27 dicembre la gran parte dei negozi propone prezzi genericamente scontati, senza dare alla cosa grande evidenza. I saldi invernali del 2020 sono un meccanismo economico profondamente distante dall'immagine classica dei saldi del passato.

Innanzitutto perché il tempo che viene dedicato dalle imprese alla promozionalità di tutti i tipi è molto cresciuto, con l'ultima occasione del Black Friday, che da singola giornata è diventata settimana e per alcuni un intero mese.

Poi per motivi industriali. Sul modello di quanto accade negli Outlet vengono prodotti articoli, generalmente di minore qualità, espressamente per il mercato dei saldi e delle offerte speciali.

Il consumatore consuma, certo, ma è sempre più disorientato, in un labirinto di offerte e promozioni, di saldi e sottocosto, di sconti del 70% su prodotti che spesso non hanno mai avuto un prezzo “ufficiale”.

Una situazione dove non può essere tralasciato l'E-commerce, dove le offerte hanno un peso ancora maggiore, e dove il “caos prezzi” impera. Ma bisogna ricordare che l'E-commerce, nel settore abbigliamento, pur in crescita, pesa soltanto per il 7% del venduto complessivo, contro il 22% di libri ed elettronica. Numeri nei quali sono peraltro comprese le vendite dei soggetti che gestiscono anche negozi fisici.

Una situazione complessa, alla quale bisogna rispondere con comportamenti di grande correttezza e col diffondersi di buone pratiche, come il Decalogo “Ok il saldo è giusto” definito da Federconsumatori e Fismo Confesercenti Modena. Una serie di punti che comprendono, ad esempio, l'impegno a vendere solo merci residue della stagione in corso, la chiara esposizione del prezzo in precedenza applicato e di quello in saldo, la possibilità di prova e di restituzione della merce acquistata.

Da quest'anno abbiamo inoltre attivato la possibilità di segnalare a Federconsumatori, da parte di consumatrici e consumatori, eventuali pratiche commerciali scorrette in occasione dei saldi, sia nei negozi che nelle vendite online.

La mail alla quale è possibile scriverci è: info@federconsumatori-modena.it

Marzio Govoni

Presidente Federconsumatori Modena

30 dicembre 2019

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo. close [ informativa ]