logo

ALIMENTAZIONE: diventa obbligatoria la tabella nutrizionale in etichetta

Il 13 dicembre 2016 è entrato in vigore il Regolamento UE 1169/2011, che prevede l’obbligo di riportare la tabella nutrizionale sull'etichetta dei prodotti alimentari fino a oggi facoltativa. Si tratta di un importante progresso nell'ambito del diritto alla trasparenza e all'informazione: si dovrà segnalare in etichetta il valore energetico e il contenuto di sale e di zuccheri, i carboidrati, le proteine, i grassi (indicando gli acidi grassi saturi). Questa novità dovrà aiutare il consumatore a compiere una scelta consapevole, permettendogli di acquistare sulla base di una valutazione oggettiva.

Alcune indicazioni rimarranno ancora facoltative, come il contenuto di acidi grassi insaturi, amido, fibre, sali minerali e vitamine. Sali minerali e vitamine, se saranno presenti oltre il 15% possono essere indicati in etichetta.

Dobbiamo registrare che in questi ultimi anni i cittadini hanno incrementato l’attenzione nei confronti dell’alimentazione e si sono dimostrati sempre più attenti alle specifiche caratteristiche degli alimenti.

Il Regolamento non prevede l’obbligo di riportare la tabella nutrizionale sull’etichetta di alcuni alimenti come integratori alimentari, tè, caffè, spezie, lieviti, la farina, il miele, miscugli di legumi.

Il Regolamento introduce il principio che un consumatore informato è anche un consumatore consapevole e meno esposto a rischi, truffe e raggiri. Inoltre con un’etichetta che riporta il maggior numero possibile di informazioni, consente di sapere da dove provengono e cosa contengono i beni che acquistiamo, che è un diritto inviolabile, soprattutto trattandosi di prodotti alimentari.

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo. close [ informativa ]